Le Non Vacanze dell’Interno


nonvacanze1Quest’anno ero partita con mille progetti e un numero imprecisato di brochures che mi ero fatta spedire da tutti gli enti turistici conosciuti del Regno Unito.
L’intenzione era quella di passare le nostre prime vacanze estive girando alla scoperta di posti più o meno vicini a Londra. Continua a leggere

Annunci

Noi si va (314/365)


Christmas Tree Bauble - Stock Photo by sxc.hu

Ok.
Il panico è rientrato.
Le valigie sono state preparate al grammo (altro che il pizzicagnolo…).
I regali per la famiglia sono riusciti ad entrare nei trolleys:
E speriamo che i pacchi di pasta arrivino integri e che quella caciottina al tartufo non abbia effetti collaterali sui vestiti puliti e profumati…! Continua a leggere

Il tempo che farà (228/365)


Airplane - sxc.hu

Decidere di andare ad ottobre a Londra equivale a prendere il rischio che il tempo sia, come dire, ballerino.
Sbirciare il meteo londinese relativo ai giorni in cui sarò li e pensare che il marito ci sarebbe andato a nozze con quel “tempo europeo”, come si diverte a chiamarlo.
Beccare l’unica giornata di pioggia della settimana fa tanto, ma tanto calimero.
E’ anche vero che si tratta della stessa giornata in cui saremo in giro per Notting Hill, quella che mi farà riabbracciare la Barbaretta dopo un milione di anni…e, soprattutto, la serata di Idina.

Per cui, dopotutto….Londra, piovi pure…io me la godrò ugualmente!! 😀

Pensato da

Me lo Merito (225/365)


Ve la ricordate la lista delle cose da fare entro la fine di quest’anno?
Ecco, la voce Andare ad un concerto con un’amica, il prossimo giovedì, sarà bell’e spuntata! 🙂
Il mio Melomerito, ovviamente, questa settimana è tutto incentrato sulla mini fuga londinese.
Il blog è preparatissimo e programmatissimo.
E i post che leggerete da oggi in poi sono tutti stati pensati entro ieri!! (potenza della tecnologia!!).
Per le news e le impressioni a caldo, magari, ci si risente lunedì prossimo….
Pensato da

Diario di viaggio: sulla via di casa (202/365)


"Neatly packed suitcase" - Stock Photo by adamci

Ci siamo quasi.
La valigia è in progress.
Le nostre cosine, i ricordi, i souvenirs sono in fase di impacchettamento.
Voglia di tornare a Roma pari allo zero (soprattutto il marito che domenica sera ricomincia a lavorare).
Lo squalo fucsia è in fase di studio per capire come inserirlo nel bagagliaio insieme alle valigie….
Nel frattempo, abbiamo deciso di concederci ancora qualche ora di vacanza supplementare.
Per cui, mentre voi leggerete questo post noi saremo proprio qui a tuffarci ancora in un parco tematico.
E poi…verso casa certo.

Mi mancherà la grande terrazza della nostra camerina, vero punto di forza della nostra sistemazione.
Mi mancherà il dover scegliere il menù per il giorno successivo, e pure l’aperitivo delle 21 (viziata sono!).
E le passeggiate in bici.
E le chiacchiere in tutte le lingue del mondo.
E i bimbi scalzi che ti gironzolano intorno mentre mangi al ristorante.
Insomma….mi mancherà la vacanza e lo stare tutti insieme senza dover pensare al minimo problema per un periodo più lungo di un’ora.
Ogni tanto uno stacco dal quotidiano ci sta tutto.

Il marito, tanto per fare quello preciso, si sta già organizzando per la prossima estate con gli amici di Napoli.
Come a dire: le vacanze saranno pure finite…ma organizzarne di altre ti fa restare con la testa leggera ancora un po’!! 🙂

Pensato da

It’s Mirabilandia Time!! (199/365)


Diciamola tutta:
Se abbiamo scelto di venire a Lido di Savio, buona parte della “colpa” è da imputare a Mirabilandia, che si trova a 9 km dall’hotel.
Che la Saruccia ci ha fatto una capa tanta per andare, che lei voleva vederlo.

Ed eccoci qui!
Abbiamo scelto di esplorarlo lunedì (evitando il caos del weekend…anche se, ovviamente, ad agosto un po’ tutti i giorni sono domenica alla fine…) con seconda entrata martedì.

Il parco è enorme, mi piace un sacco.
Il problema è il caldo di questi giorni.
Diciamo che abbiamo consumato una bottiglietta d’acqua a testa ogni 200 metri. Un’arsura indicibile!
La Saruccia, in tutto questo, ha dimostrato di essere uguale al papà anche in un’altra cosa: la fifa blu.

No, dico, ve lo immaginate voi un tipo alto quasi due metri, grande e grosso…che, in fila sul blu river (e ripeto blu river, dove possono salire anche i bimbi di 90 cm di altezza…quell’attrazione col gommone che va giù dagli scivoli), ad un certo punto, davanti al gommone inizia a sentirsi male e si rifa tutta la fila al contrario??
No? Ad averlo fotografato ora avreste potuto vederlo! 🙂

Ecco.
Sara è più o meno come lui.
O, meglio, sarebbe pure più temeraria…ma poi si gira verso il papà, lo vede agitato…e la frittata è fatta!
La fortuna in tutto questo è che siamo venuti con una famiglia di Napoli conosciuta in albergo: mamma, papà e due bimbe, una dell’età di Saruccia.
Che, chiamarle temerarie è assai riduttivo…. Continua a leggere

Diario di Viaggio: Prime impressioni (198/365)



La vacanza procede senza intoppi.
Il nostro alberghino è una sorta di pensione “di lusso”.
Nel senso che è a conduzione familiare, si mangia bene e in più ha quei piccoli bonus che fanno sempre piacere, come la connessione wi-fi grazie alla quale vi sto scrivendo ora (risparmiando sulla chiavetta, che male non fa).

La nostra giornata tipo è:

Mattina mare, dove l’acqua è bassissima per un bel tratto.
Poi si pranza.
Micro riposo.
E pomeriggio in piscina.
E prima di cena un bel giro nei dintorni, magari in bici.
Dopo cena…al Village.
Perchè da noi non c’è animazione ma sono convenzionati con questo villaggio (insieme ad altri hotel) dove c’è un’equipe di 25 animatori che, diciamolo,  di tutto per farti divertire.

Insomma, noi stiamo benone!
Ora scusate….ma la colazione chiama!

 

Alla prossima…..

 

Pensato da

Diario di viaggio: partenze e arrivi (195/365)


E così, dopo tanti preparativi, finalmente ieri siamo partiti per la nostra vacanzina in terra romagnola.
Visto il periodo di esodi estivi abbiamo pensato bene di alzarci prestissimo.
Nello specifico: alle 4.30…
Insomma tra un’ultima occhiata alle cose prese, per evitare di non dimenticare nulla e il gran convincimento per svegliare la Saruccia ad un orario decente, alla fine si lascia l’Interno.
Destinazione l’hotel, prenotato quasi per caso con l’agenzia online di un noto discount italiano…
Insieme alle valigie….la borsetta termica con i viveri e l’acqua (che, hai visto mai, c’è la fila di km e km almeno non si muore di fame e sete).
E il fido navigatore satellitare.
E poi, via sull’autostrada. Continua a leggere