Prime Visioni: Muppets Most Wanted


20140412-212346.jpg

Capita che, ogni tanto, me ne vado al cinema con la Saruccia.
Poi, certo, non li recensisco quasi mai…perché me ne dimentico (anche se magari ho ancora i post in bozza e loro, nel frattempo, sono usciti in DVD e hanno avuto anche un paio di passaggi in tv…).
Stavolta mi sono ripromessa di portare a termine la recensione.
Ed eccomi qui.
Nemmeno con tutto questo ritardo, dal momento che il film è uscito il 28 marzo.
E pensare che io l’ho visto anche in anteprima il 23…
Che, una precisa, avrebbe preso la palla al balzo…ma io sono io e quindi ciao.
Ma parliamo del film.

Continua a leggere

Advertisements

Prime Visioni: Wreck-it Ralph


wreckit_ralphQuando ero piccola, ma non troppo piccola, mi piaceva andare in sala giochi, il pomeriggio.Li ho provati tutti i giochini dell’epoca: da Pac-Man a Donkey Kong, da Braccio di Ferro a Mario Bros...
Chi non se li ricorda?
Ed è stato con quest’animo nostalgico che ieri sono entrata in sala con mia figlia per guardare Wreck-it Ralph (o Ralph Spaccatutto).
Che già il cinema scelto era di quelli che wow (hanno anche, su prenotazione, le poltrone con gli effetti speciali che si “muovono” a seconda dell’azione che si svolge nel film): tecnologico, iper organizzato (costosetto, ma per una volta passi), in una location assai bella.
Insomma, siamo già partiti con il piede giusto da prima di vedere il cartone!
E, ciliegina sulla torta, il cortometraggio iniziale, Paperman.
Una vera e propria poesia animata!

Continua a leggere

Prime Visioni: Brave


E così venerdì scorso abbiamo deciso di fare i temerari.
Visto che oramai siamo qui, e che dobbiamo passarci un bel po’ di tempo (si spera), perchè non fare una delle tante cose che di solito ci piaceva fare in Italia?
E andiamo al cinema!
Ve lo confesso: un filino di timore, per la piccoletta soprattutto, ce l’ho avuto.
Ma, cavolo, se non iniziamo la reale full immersion ora…quando? 🙂

E abbiamo scelto di vedere una storia che, per forza di cose, ci tiene incollati a questa terra così affascinante:

Abbiamo visto l’assai pubblicizzato (e da me tanto atteso): Continua a leggere

Prime Visioni: Hugo Cabret


Ve l’avevo detto che oggi sarei stata monotematica, no?
Anche se il grosso dei premi è stato a favore di The Artist (splendida storia in bianco e nero sul film muto…che, però non posso recensire perchè non ho ancora visto), il primo dei film post Oscar di cui voglio parlarvi è Hugo Cabret.
Il trailer mi aveva incuriosito e ammaliato quando la piccola peste ci aveva convinto a portarla a vedere Alvin Superstar….
Così sabato scorso, quando abbiamo deciso di tornare al cinema, la scelta è stata fatta in meno di 5 minuti (e devo dire grazie al fatto che I Muppets erano programmati soltanto in sale parecchio distanti da casa).

E’ stato amore al primo fotogramma. Continua a leggere

Prime Visioni: Alvin Superstar 3 – Si salvi chi può!


Ecco.
Posso dire che stavolta, a non salvarsi, è stata la sottoscritta.
E dire che sabato scorso la giornata era iniziata in tutt’altra maniera.
Ma andiamo con ordine:

Sabato tutti gli abitanti dell’Interno sembravano aver preso la poltronite acuta.
O, meglio.
Io ero uno straccetto causa mal di schiena ..stardo (e niente, è un periodo che sono messa peggio di un’auto usata) e stomaco sottosopra.
Saruccia era tutta intenta a scrivere, su quattro pagine di quadernone, la frase:

A scuola non si perde tempo

punizione datale dalla maestra di Italiano, causa frequente cinguettio durante le ore di lezione (o, per dirla come la Ferilli…quanto je piace de chiacchierà!). Continua a leggere

Prime visioni: HP e i doni della morte – Parte 2° (176/365)


Il giorno è arrivato.
La saga è finita.
E posso dirlo: Noi (io e la Saruccia) c’eravamo.
L’ultimo capitolo di Harry Potter, in 3D, ce lo siamo concesso non il giorno dell’uscita.
Ma il successivo, il 14 Luglio.

La Saruccia ha apprezzato molto, anche se, quando le svolazzavano accanto i dissennatori strillava “Pussa via cattivoni!!”.
Ed è stata tutta un applauso nelle scene più emozionanti.

E’ sempre emozionante rientrare nell’atmosfera di Hogwarts e dei suoi protagonisti.
La seconda parte de I doni della morte è stata un pochino meno fedele al libro rispetto alla prima parte.
Ma devo comunque ammettere che il regista dell’ultimo capitolo ha fatto un gran bel lavoro.

Che poi lo confesso: sono una fan sfegatata della saga, sia libresca (e il mio sognro segreto è di poter seguire, in piccolo, le orme della Rowling, sappiatelo!) che cinematografica.
Con tutti i possibili errori di trasposizione.
Perchè, come dice anche la Lu, Harry o si odia o si ama.
E se si ama lo si fa incondizionatamente.

Per cui, il mio giudizio per questo film è decisamente positivo.
Si, sono di parte.
E ne vado fiera!! (detto come la Cortellesi quando imita la Santanchè!).

(E ora che la saga è finita…non mi resta che sbirciare Pottermore!)

Pensato da