Weekly Book: La Famiglia Winshaw, Jonathan Coe


Ed è di nuovo lunedì.
Un lunedì uggioso, con fastidiosa pioggia a intermittenza.
E, giusto per non farsi mancare nulla (perchè, si sa, sono una persona generosa) anche con un noiosissimo inizio di influenza intestinale.

Insomma.
Oggi c’è poco da fare:
Non sono esattamente dell’umore adatto per scherzare.
Ok, magari un sorrisino qui e la posso anche lasciarlo, via…

Cerchiamo i lati positivi della faccenda:
Sanremo è finito. Nessuno contento, nessuno scontento.
A onor del vero, quest’anno l’ho seguito e commentato via social network…cosa che mi ha fatto divertire e rivalutare assai twitter come mezzo di comunicazione.

Ma il vero evento della scorsa settimana è rappresentato dalla prima pagella della Saruccia.
Una pagella caratterizzata da un unico numero, di quelli belli “cicciotti” 🙂
E con la consapevolezza di ritrovarmi una figlia che apprende in fretta…ma che non riesce a stare zitta nemmeno quando dorme! Continua a leggere

Advertisements

Cronache scolastiche (226/365)


Eh si, in tutto il caos del ridipingi la cameretta, preparati per il viaggio, scrivi recensioni, inizia il corso, e lava e stira (poco ma c’è pure quello) e cucina…ho dimenticato bellamente di parlare del debutto scolastico della Saruccia.

Il primo giorno eravamo visibilmente emozionati tutti e tre.
E lei era contenta (perchè per lei la scuola, fortunatamente, è sempre stato un luogo dove conoscere nuovi amici e dove passare dei momenti piacevoli) e tutta soddisfatta del suo aspetto (va beh, vanitosa lo è sempre stata, che vi aspettavate??).

Appena arrivati a scuola ha incontrato una bambina con la quale di solito gioca il pomeriggio e si è illuminata. E’ durato poco. Il tempo di capire che NON sarebbero state nella stessa classe (lei è stata iscritta in quella a modulo).

Ma non ci ha pensato molto. Almeno fino a quando non è entrata in classe, si è seduta….e si è resa conto che nessuno le si sedeva vicino (perchè gli altri bambini venivano tutti dalla stessa scuola materna).

Ho visto scendere una lacrimuccia furtiva, mi sono avvicinata e lei mi ha sussurrato un “Mamma, perchè non mi cambi classe e mi mandi di la insieme a S.?” 🙂 Continua a leggere

Accellerazioni (174/365)


Non vorrei ripetermi.
Ma in questo periodo mi sento decisamente in continua rincorsa.
E la rincorsa la devo fare dietro ad una 6enne che tutto dimostra fuorchè di essere 6enne.
Non è solo una questione fisica (è una spilungona, piedona, le Converse nella foto le abbiamo comprate lo scorso anno che le andavano larghe…ora le stanno precisissime…tanto che le sta usando in queste serate, giusto per non sprecare il prezioso acquisto. Se vi domandate che numero sono quelle in foto…la risposta è 31….ebbene si, a seconda dei modelli ora mi oscilla tra il 32 e il 33…).

E’ proprio una questione mentale.
Parla come una grande.
E’ diventata furbissima (a volte quando telefona il padre finge di passargli me e altera la voce….e lui ci casca…ma questa è un’altra storia!).
E indisciplinata.
E desiderosa di indipendenza.

Io continuo a domandarmi dov’è che ha nascosto la bimba che era appena il mese scorso! Continua a leggere

Saruccia Dixit (128/365)


Guitarrita - Stock Photo by sebadanon

Venerdì sera.
Gli abitanti dell’Interno decidono di andare a cena fuori.
O, meglio, di fare una puntatina da Burger King, per esaudire un desiderio della Saruccia.
La nostra piccola peste, in macchina, inizia a comportarsi in modo un tantino irritante.
E noi le chiediamo di comportarsi bene.
Il marito ci tiene a precisare:
“Non devi comportarti bene solo oggi. Lo devi fare sempre.”

E la Saruccia: “Beh ma mica proprio per sempre. Prima o poi me ne vado via di casa e mi compro una bella casa, dove vado a vivere con le mie amiche!”.

Non resisto e le chiedo: “Ma per comprare una casa servono tanti soldi. Dove pensi di trovarli?”.

Risposta lampo:

“Vado in banca e mi faccio dare 60mila pesos!!”.

(…dopotutto San Diego è al confine col Messico….ci sta tutta…!) 🙂

Pensato da

Saruccia Dixit (125/365)


Stock Photo by Acicuate

Interno 105.
Sabato di metà aprile.
Una pioggia che nemmeno in inverno.
Tutta la famiglia bloccata in casa.
La prima, inevitabile conseguenza della prigionia forzata: la Saruccia si annoia.
E inizia a diventare irrequieta.

Proviamo a distrarla con numerose soluzioni…ma, alla fine torna la voglia di uscire.

E nonostante i tentativi non riusciamo proprio a calmarla.
Allora ci arrabbiamo.

E lei, tutta offesa, ci guarda e:

“Basta, mi sono stufata! Me ne vado a San Diego!!!”

……

……

(chissà perchè, con tutti i posti che esistono a questo mondo avrà scelto proprio San Diego???) 😀

Pensato da

Le regole della Casa Vitellina (123/365)


Chalk - Stock Photo by iprole

Faccio coming out.
Non outing.
Perchè sono una precisa, io. 😉
Sono, a tutti, gli effetti, una madre pasticciona.
Una di quelle piene di buonissimi propositi che, alla fine, si vanno inevitabilmente a far friggere, in special modo nei momenti di maggiore sfogo della minore dell’Interno.
E’ che io posso guardare tutte le puntate di tutte le serie di SOS Tata (e ci aggiungo pure quelle di Nanny 911, guarda un po’…), ma alla fine, a stringere, mi manca sempre quel qualcosa.
E dire che avevo iniziato anche bene.
Ho abituato la Saruccia a mangiare tutto, le ho insegnato piano piano a dormire nel suo lettino da sola e senza troppi aiuti. Continua a leggere

O Vitellina, mia Vitellina! (98/365)


Omar & Saruccia @Interno105.wordpress.com

Omar & Saruccia @Interno105.wordpress.com

(Versione Babilonica.)

Interno.
La sera prima dell’incontro con la Ile:
“Mamma, ma a Omar…..in che lingua gli devo parlare??” 🙂

(Bucolico-Style)

“Cos’hai fatto oggi a scuola?”
“Allora, la maestra ci ha detto di disegnare una bella zolla“.
“Ah si? E tu l’hai disegnata subito?”
“Si si. Io ho disegnato un bel camion grande (??), poi dentro al camion ci ho messo tante scatole di cartone (…mmm….)….e dentro alle scatole tanta frutta e verdura!! ( 😀 )”….(prima o poi la maestra mi chiama, LO SO…).

(Interior Design moolto fantasioso).

A casa dei nonni.
La nonna: “Sara, cosa vuoi che ti regaliamo per Natale?”.
Lei ci pensa un po’ su….”Un bel giardino!!” (…)
La nonna (un po’ incerta): “Ma…come un giardino?…E dove te lo metti???
In salotto!!” (sarebbe un’idea però…) 😀

Pensato da

La piccola Fotografa (54/365)


La tv secondo Saruccia...

La scorsa estate la Saruccia ha iniziato a manifestare un interesse per lei insolito: la fotografia.
Complice il fatto che io fossi impegnata a lavoro e con il marito in versione casalinga, lei ha avuto accesso alla nostra fotocamera digitale.
E si è come dire sfogata a lungo!
Ha iniziato con qualche scatto per caso, aereo, parecchio approssimativo.
Poi, però ha iniziato a capire il meccanismo.
Ok, non sa ancora usare il flash o regolare l’esposizione e tutte le altre cose professionali (che comunque non è che io sia in grado di insegnarle, sia ben chiaro!). Continua a leggere

Lessico Famigliare (23/365)


"Comfy Slippers" - Stock Photo by thea0211

Il weekend è stato rilassante, molto tranquillo, vissuto in modo decisamente slow.
Che, con il freddo che ha iniziato a fare, il massimo dello sport praticato dagli abitanti dell’Interno è stato lo stravaccamente selvaggio sul divano con tanto di copertona di lana… Continua a leggere