Una buona scuola (17/365)


 

"Girl drawing back to school" - Stock Photo by cienpies

Ci siamo.
Hai voglia che faccio finta di nulla.
Oggi pomeriggio abbiamo la riunione a scuola dove ci illustreranno le possibilità di scelta che abbiamo per iscrivere la Saruccia alle scuole elementari.
In realtà all’inizio pensavamo di non avere grossi problemi e di optare per la stessa scuola dove va ora.
Solo che…
…ti pareva non ci fosse un ma…!
“Grazie” alla nostra “carissima” Ministra della Pubblica Istruzione e al famigerato maestro unico….nella scuola elementare del comprensorio dove va Saruccia da quest’anno è disponibile una sola classe a tempo pieno (voi ve l’immaginate, nevvero, i genitori che fanno a gomitate per aggiudicarsi quell’unica, fortunella sezione, si?). Continua a leggere

Advertisements

Fammi crescere i denti davanti….


Vitellina sdentata @Interno105

Ci portiamo avanti…nel senso che sono una decina di giorni buoni che a Saruccia si muovono due dentini…il giorno di Natale, durante il mega pranzo, si sono come “sfaldati” tutti e due….proprio quelli davanti centrali….solo che non cadevano…restavano li a mo di Torre di Pisa.

Poi oggi, vado a riprenderla a casa dei miei…e lei esce correndo di casa tutta sorridente e gridando:

“Mammaaaaaaaaa Guardaaaaaaa”

La bocca spalancata che nemmeno la mia micro nipote quando mangia (che sarà micro ma è fornita di speciale bocca-hangar…come mangia lei nessuno, manco il fratello affamato…).

E proprio li in mezzo….il cratere.. Continua a leggere

Vitellina a scuola


Capita che quando accompagnamo la vitellina al nido lei sia la prima ad arrivare….
Da inizio mese, invece, abbiamo notato che ci sono altri bimbi piuttosto mattinieri….
E questo rende moooolto felice la vitellina che, appena vede qualche compagno di giochi, si stacca da noi e se ne va…..e il maritozzo si guarda intorno smarrito (a volte penso che forse un pochino di nido farebbe bene pure a lui….).
Stamattina siamo arrivati e un suo compagno era già lì, attaccato a lucertola al papà, piangeva disperato e non si voleva proprio staccare.
Appena la vitellina lo ha visto mi ha preso la mano, si è messa a correre verso il suo attaccapanni, si è fatta togliere cappotto e cappello, ha preso i calzini antiscivolo e me li ha passati, si è seduta e fatta togliere le scarpine e si è fatta mettere i calzini.
E poi, veloce come un fulmine, si è avvicinata sorridendo al bimbo in lacrime, gli ha preso la manina e, sempre sorridendo, è entrata insieme a lui nella stanza dei giochi….e il bimbo buono buono l’ha seguita….

Inutile dire che il papà del bimbo ha sentitamente ringraziato…..

And now, only for you my blogfriends….

La vitellina in posa in una foto di qualche mese fa…..

Questione di geni


Da quando è venuta al mondo, la vitellina non ha fatto altro che ricalcare le orme paterne.
A parte la somiglianza fisica che tutti, dal ginecologo e le ostetriche ai vicini di casa al panettiere, riconoscono tra padre e figlia (e io in un angolino che mormoro: “Non mi somiglia per niente….!!”) anche il caratterino vispo e giocoso è stato ereditato pari pari dal maritozzo.
Il giorno della festa di carnevale al nido, quando siamo andati a riprenderla, le maestre non hanno fatto che ripeterci come la vitellina sia simpatica e trascinatrice…..
Le ragazze avevano organizzato un piccolo party in maschera e avevano messo la musica.
Poi si sono piazzate davanti ai bimbi e hanno iniziato a ballare….
Eh, beh, tutti i bimbi sono rimasti immobili a fissarle….tranne la vitellina, che anzi si è allineata con le maestre ed ha iniziato a ballare come loro!!
E non è finita…..
Ci aveva preso talmente gusto a ballare che è pure salita su una piccola pedana e ha continuato il suo balletto!!!
Che dite?
Avrà mire da velina?
O, magari è soltanto figlia di quell’ex animatore che è il maritozzo?

Mah, lo scopriremo solo vivendo…..

Nuove esperienze


Oggi per la vitellina è stato l’ultimo giorno al nido privato.
Da lunedì inizia l’inserimento in quello comunale.
E noi, stamattina, abbiamo comprato i pasticcini da portare alle ragazze per ringraziarle di tutto il lavoro che hanno svolto con la vitellina in questi mesi.
Un lavoro paziente, perchè la piccola quando ha iniziato ad andare al nido aveva appena 6 mesi, si nutriva ancora quasi esclusivamente con il mio latte ed era estremamente attaccata a me e al maritozzo.
C’è voluta pazienza, costanza da parte nostra e delle educatrici, ma alla fine la vitellina ha iniziato ad andare al nido serenamente.
D’altronde a lei bastava poco: i suoi adorati giochini, la pappa, la musica e le ninne.
E poi loro, le educatrici, sempre con il sorriso sulle labbra, affettuose come mamme, pazienti al limite della santità…..
Ecco, stamattina le ragazze che l’hanno tirata su, che l’hanno trasformata da bruco a farfalla, avevano gli occhi lucidi e una di loro, quando abbiamo salutato, ci si è avvicinata e ha detto: “Mi raccomando! Ogni tanto portatecela a far vedere….”.
Ecco, per poco la lacrimuccia non scendeva pure a me!!!!
Un grazie a tutte le ragazze, perchè sono state la prima grande esperienza della vitellina al di fuori del nucleo familiare.
Un grazie perchè ora la mia bimba è più socievole con gli altri e con loro ha imparato tante cose.
Lunedì e martedì sarò a casa, a seguire le prime fasi dell’inserimento.
Spero che anche in questa nuova esperienza la vitellina riesca a cavarsela egregiamente come un anno fa……

18 Mesi


Oggi la mia piccolina compie 18 mesi.
Ormai siamo al giro di boa…è un po’ come avere 18 anni….
Dal prossimo mese al nido la faranno passare dalla sezione dei “Bruchi” a quella delle “Farfalle”, come a dire, ormai è bella e sbocciata.
La mia piccolina, ogni giorno più indipendente.
Nuove scoperte e nuove parole.
La mia vitellina, che ha imparato a nominare le parti del corpo (“Pede”, “Mano”, “Cocchi”, “Bocca” “Ecchio”), che mi aiuta a togliere la spesa dalle buste e mi presenta ogni cosa che prende (“Futtolo”, il suo adorato Fruttolo….”Pane”, “Ciccia”…).
Lei che al telefono mi dice sempre “Mamma!!! Mamo mamo” (cioè ti amo…).
Lei che la mattina quando scendo dalla macchina e la saluto avvicina la sua manina al finestrino e aspetta che io faccia lo stesso dall’altra parte, e ce ne restiamo così, per qualche momento fino a che il maritozzo non decide di ripartire.
Buon Mesiversario vitellina di mamma!!!