Mirror, Mirror (39/365)

"Pear on a Diet" - Stock Photo by ikbenasha

Sono 40 giorni che sono a dieta.
Una dieta strana, la mia.
Perchè non mi peso.
Perchè non peso gli alimenti che mi metto nel piatto.
So che ne devo mangiare di meno e me ne metto semplicemente una quantità sensibilmente inferiore rispetto a prima.
Perchè ho abbandonato il caffè.
E l’insonnia è bell’e sparita (e, quindi, NON era insonnia, dopotutto…).
Perchè non c’ho l’ansia se, a fine settimana, ho perso solo 2 etti invece di mezzo chilo.
Perchè ho iniziato a prestare più attenzione alle cose che compro.
Perchè il mio rapporto con la pasta ora è di profonda amicizia..anche se ne mangio poca e, quando lo faccio, è per lo più integrale, o di farro, o di riso.
Perchè, quando mi sento nervosa, faccio dei bei respiri profondi e, magari, conto fino a 10…che può sembrare stupido, ma per me funziona e me lo tengo come metodo antistress.
Ma soprattutto perchè in questi 40 giorni ho imparato che, se un giorno sgarro e mangio una pasta più elaborata, o magari un dolce, non mi sento in colpa.
E il risultato di tutti questi perchè è che ho i pantaloni che mi vanno tutti larghi, e le cinture che devo stringere e stringere (in realtà ho anche dovuto aggiungere un foro..).
Insomma: a parte la prima settimana (ma quella è normale) di fame e mal di testa…oh, non lo dico troppo forte, ma io mi sento benone!
Che abbia imparato a volermi un pochino più di bene?
E, infatti, anche guardarmi allo specchio non mi schifa più tanto 🙂
Anzi, stai a vedere che, tra qualche mese, non mi ci pianti davanti a dire la famigerata frase….
Avete capito, si, il perchè della scelta del libro di oggi, vero?
Se vi va di approfondire la storia vi consiglio la recensione della pole su zebuk.

 

Mirror, MirrorGregory Maguire

È il 1502. Bianca de Nevada vive nella tenuta paterna di Montefiore, tra le campagne toscane e le colline umbre. La sua vita scorre tranquilla e bucolica, finché un giorno Cesare Borgia e sua sorella Lucrezia non giungono a sconvolgerla affidando una missione a suo padre, Don Vicente. Bianca si ritrova così sotto la protezione di una Lucrezia cieca di gelosia, che chiede a un cacciatore di portarla nella foresta e ucciderla. Ma Bianca sopravvive e si rifugia nella casetta dei sette nani, che cercano disperatamente notizie di loro fratello, l’ottavo nano… perduto assieme allo specchio magico. Nel frattempo di suo padre non si hanno più notizie… forse. Con uno straordinario lavoro di fantasia, Mirror Mirror infonde nuova linfa alla fiaba di Biancaneve, conferendole una bellezza e un significato tutti nuovi, più “adulti”. Età di lettura: da 14 anni.

Annunci

8 thoughts on “Mirror, Mirror (39/365)

  1. Brava Silbi penso che hai scelto il metodo migliore per cercare di dimagrire, l’importante è stare bene con se stessi…Brava.

  2. Ciao, mentre ero a far la spesa go sentito dello sciopero mezzi pubblici in quel di Roma ed ho subito pensato a te, ma dal tuo bellissimo post (anche io sono a dieta e faccio come te, il caffè però lo bevo lo stesso, mi piace tanto…) capisco che o non ti ha toccato “fisicamente” o ormai ci hai fatto il callo…
    e allora facciamoci un “pat pat” sulla schiena per incoraggiarci a vicenda per la nostra nuova fase di vita…
    Baci

    • Ma si incoraggiamoci a vicenda! 🙂
      Guarda io oggi mi sono preparata psicologicamente allo sciopero: sono anche uscita mezz’ora prima del solito.
      Certo, il bus che dovevo prendere, si è improvvisamente fermato 50 metri prima di arrivare alla fermata….diceva che si era rotto…ha fatto scendere tutti…e un mare di persone si sono avvicinate alla mia fermata…
      Siamo stati un po’ strettini nel bus successivo…ma almeno sono riuscita a prendere l’ultimo trenino disponibile prima dello sciopero…si oramai ci ho fatto il callo! 😀

  3. Felice che tu ti senta meglio, in questa nuova veste (eheh!) di donnaadieta… seguirò le prossime fasi, intanto penso e ripenso a quel libro… a proposito, di che taglia la vuoi la maglietta con lo specchio?! ;))

    Baci, polepole

Mi lasci un commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...