Riflessioni e qualche consiglio

Pensavo a come è strana la vita.
Se ti comporti bene, educatamente, nessuno ti da ascolto. Anzi. Molti si approfittano della tua buona fede.
Se invece reagisci, a muso duro, e fai anche un pochino lo stronzo (scusate ma non ho trovato un sinonimo sufficientemente forte) allora ottieni quello che vuoi.
In pratica è andata che, dopo la sceneggiata di lunedì con conseguente nostra uscita di scena arrabbiata, ieri l’ex datore di lavoro del maritozzo lo abbia chiamato per dirgli di andare a prendere stipendio e busta paga.
Ma come?
Soltanto due giorni prima piangeva miseria, offriva 200 euro per tappare parzialmente i buchi e non sapeva quando sarebbe stato in grado di dare qualche altro soldo (mica tutto lo stipendio eh…)….ipotizzando una piccola seconda parte di soldi forse a settembre…..
Soltanto lunedì faceva la vittima dicendo che, per pagare il maritozzo subito, sarebbe stato costretto a vendersi qualche mobile….
….e Mercoledì gli ha dato stipendio, liquidazione, ferie, permessi, tredicesima e quattordicesima maturate??
…..
…..
Io continuo a dire che la faccia tosta della gente non ha confini.
Stavolta siamo andati con mio padre….tanto per far capire che, stavolta, i testimoni erano due….
Il tizio era tutto gentile.
Ma ha fatto chiaramente capire che lui, al maritozzo, stava facendo un favore.
E certo.
Infatti mio marito ha lavorato per lui solo per fargli un favore, dopotutto….
Io mi sono studiata la busta paga (perchè fidarsi è bene…..ma non fidarsi è decisamente meglio) e poi l’ho guardato e gli ho chiesto come mai non ci fossero i 15 giorni di preavviso pagati, come aveva scritto sulla lettera di licenziamento.
Lui ha risposto che sicuramente era un errore della commercialista (si si…come no) e che l’indomani il maritozzo gli doveva telefonare per sapere quando venire a prendere il saldo.
Questa mattina la telefonata è stata comica.
Eh si, perchè il tizio ha ricevuto l’impugnativa di licenziamento.
E ha risposto acidissimo sul fatto che nella lettera non si specificasse il perchè il maritozzo avesse impugnato il licenziamento (beh…ma te lo domandi?).
E ha aggiunto che, riguardo i 15 giorni, avrebbe mandato anche lui una raccomandata spiegando le sue motivazioni.
In pratica, credo non voglia pagarli.
Ma noi abbiamo un foglio, firmato da lui, nel quale si impegna a farlo.
Comunque……ci pensiamo a fine della prossima settimana.
Quando andremo a fare la vertenza.
Fino ad allora ci si rilassa.
E si studia il modo di emigrare.

Per quanto riguarda Disneyland, vi metto qualche link utile.
Allora, noi abbiamo prenotato uno degli hotel che vengono consigliati dalla Disney, il Kyriad.
E’ un hotel 2 stelle, molto carino e vicinissimo al Parco. E la cosa positiva, oltre al prezzo contenuto, è che ha la navetta gratuita (il famigerato bus fucsia, il n. 54) che passa ogni 10-15 minuti davanti la reception e ti lascia davanti l’ingresso di Disneyland.
L’hotel si può prenotare anche online direttamente sul sito, oppure su altri siti di prenotazione hotel (tipo Expedia).
Io l’ho prenotato su Hotelopia, perchè avevano l’offerta 3×2 (si pagavano due notti su 3 soggiornate).
I biglietti invece li ho prenotati sul sito francese di Disneyland (grazie alla dritta della Ile!).
Se si conoscono già le date nelle quali si vuole visitare il parco è decisamente una scelta economica.
I biglietti costano 36 euro a persona per 1 giorno/ 1 parco a scelta tra Disneyland e gli Studios (e sono quelli che abbiamo comprato per il primo giorno, perchè tanto il primo giorno difficilmente si riesce a guardare entrambi i parchi) e 42 euro a persona per 1 giorno/2 parchi.
In realtà io ho comprato un biglietto in meno, perchè uno ci è stato regalato dall’Air France.
Sempre per quanto riguarda il volo, è consigliabile scendere a Charles De Gaulle Roissy perchè ci sono più opzioni da scegliere per raggiungere il parco (volendo anche l’Easyjet arriva a Charles de Gaulle, ma soltanto da Milano e Venezia).
Altro piccolo consiglio molto poco “patriottico”: se scegliete Air France evitate accuratamente i voli operati da Alitalia….mi da un po’ fastidio dirlo….solo che…al ritorno noi partivamo alle 19.10 con AF e Alitalia operava il volo precedente….che, alla fine, è stato imbarcato alle 19.20…quando noi eravamo già in volo…
Per raggiungere il parco si ha a disposizione (da Charles de Gaulle)
La metro (la vitellina, che ha 4 anni, non paga), abbastanza economica (l’abbastanza è dovuto al paragone economico con la metro romana…..ma ovviamente non paragonabile per tutto il resto…che tristezza quando sono tornata…!!);
Il TGV. (che è praticamente come il nostro Eurostar), che in orari non di punta è solo leggermente più caro della metro, ma ha il pregio di portarti diretto davanti l’entrata del parco in 10 minuti. I biglietti si possono anche prenotare online (vengono recapitati a casa in 3 giorni).
E poi vediamo….il cibo….e l’acqua….!!
Allora l’acqua al parco, e nelle immediate vicinanze, ha dei costi assurdi (la bottiglietta piccola costa € 2,50).
Per cui consiglio spassionatamente: riempitevi le bottigliette alle fontanelle!
Anche i prezzi dei ristoranti interni al parco non sono proprio bassi.
Si, c’è il Mac al Disney Village…ma per il resto insomma…
Il mio consiglio, previsioni del tempo permettendo, è di pasteggiare nell’area picnic vicino alla stazione delle navette.
Dove comprare da mangiare?
All’Auchan, ad esempio. Che si trova al Centro Val d’Europe, a 1 fermata di metropolitana.
Una cosina “simpatica” da sapere quando si è all’interno del parco è che, se si acquista qualcosa da mangiare (o bere) in uno dei fast food o ristoranti prima delle ore 15, si riceve insieme allo scontrino un buono per prendere, dalle 15 alle 19 in qualsiasi ristorante, una bibita da 40 cl gratis.
Che non è molto….ma considerando che a comprarla costa € 2,50……
L’hotel dove abbiamo soggiornato ha la cena con la formula Buffet a Volontè (presente anche in qualche ristorante del parco).
Al Kyriad costava circa 20 euro per adulto e 8 per i bambini dai 3 agli 11 anni (che si, dai 12 sono adulti…).
Solo che avevano una promozione (che credo sia valida fino a fine anno, ma magari la rinnovano) e i bambini da 3 a 7 anni non pagano nulla.
Quindi noi con meno di 40 euro abbiamo mangiato davvero a volontà (e la vitellina si è pure portata via 2 yogurt che, tanto, come ha detto il cameriere, li avete pagati!) 😀

Ultimo consiglio spassionato: portatevi gli impermeabili, tipo quelli che avevamo nelle foto….che nel parco costavano una cifra esagerata (ma avevate dubbi??).

Credo sia tutto…se mi viene in mente qualcos’altro magari lo scrivo più in là!!

Annunci

Mi lasci un commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...