Cronache parigine: Tanta Magia….e tanta acqua!

Ed eccoci al racconto vero e proprio (a proposito….le mie previsioni sull’accoglienza a lavoro di ieri non erano troppo esagerate…il capo oggi non c’è…in compenso ho ricevuto una sorta di “cazziatone virtuale” via email….ah, quanto mi mancava, già già!!).

Il nostro primo giorno a Disneyland è iniziato prestissimo. Eravamo tutti emozionati, Vitellina in primis….ma anche i genitori… 😀

Ci siamo diretti alla biglietteria per ritirare l’ingresso omaggio per la Vitellina (gentilmente offerto da Air France ;)) e poi in fila (breve, vista l’ora) per entrare….

E finalmente, Main Street.

Ancora tranquilla e mezza assonnata.

E mi sono gustata tutti  i negozietti a tema, piano piano (e ho approfittato per comprare un’orribile fotocamera usa e getta…erano 10 anni che non ne usavo una…sigh…).

Fino a quando non abbiamo sentito la musichetta che annunciava il Buongiorno e abbiamo capito che la magia quotidiana era appena iniziata!

La Vitellina ha passato la giornata a ballare, battere la mani e fare facce stupite ad ogni attrazione che incontrava.

Prima tappa, praticamente obbligata, del giro: Fantasyland.

E il Castello della Bella Addormentata. Bello, suggestivo. Ma alla Vitellina non è che sia piaciuto più di tanto (ragazza avventurosa è, vuole l’azione!).

Un giro veloce sul Carosello di Lancillotto (tutti insieme appassionatamente proprio…) e poi in fila per la giostrina di Dumbo (o Dambò, per dirla alla francese).

Una fila interminabile….un caldo soffocante (cielo coperto e un’afa che nemmeno a Roma)…la giostrina che, si e no, dura un paio di minuti e poi fa salire altre persone…

Alla fine tocca a noi. La Vitellina sale su Dumbo con me, il maritozzo da solo nell’elefantino dietro al nostro. La Vitellina che mi incita “Più in alto, mamma”, il maritozzo che tiene il suo elefantino costantemente basso.

Ed è proprio quando il nostro elefantino è al punto più alto che sentiamo un rumore….e la giostrina si ferma con gli elefantini a mezz’aria. Si era staccata una decorazione dalla giostra….siamo rimasti 2 minuti buoni sospesi….e la Vitellina ha perso improvvisamente ogni presente e futuro interesse per Dambò….!

Anche perchè è stata impegnata con tutte le altre attrazioni: le tazze del Cappellaio matto (anche se la Vitellina ad un certo punto, a forza di girare su se stessa mi ha detto “Mamma, mi fa un po’ male il pancino!”), il labirinto di Alice (sono morta dalle risate con gli zampilli d’acqua dispettosi…e quando la Vitellina si è allontanata in fretta dalla regina di cuori che sbucava minacciosa da una siepe…), e soprattutto It’s a small world, personalmente una delle attrazioni che mi è piaciuta di più (sia per tempi di attesa che per durata). Un gran bel giro del mondo. In miniatura. E con una canzoncina irresistibile.

Unica cosa che non mi è piaciuta tantissimo: il ticchettio dell’orologio fuori da It’s a small world….in perfetto stile tortura cinese….

Il tempo di far gustare un gelato alla Vitellina….ed ecco che ci siamo ritrovati sommersi dai personaggi Disney.

Il maritozzo si è trascinato dietro la piccola per immortalarla con tutti…ma lei è fuggita a gambe levate davanti a Capitan Uncino (“Mamma, che brutta mano che ha quello signore!”)….e ha fatto una faccia non proprio convinta davanti a Crudelia…ma si è lasciata immortalare.

Ma quando ha visto Paperina si è lanciata a velocità supersonica verso di lei, si è fatta fotografare, abbracciare….e non la voleva lasciare più.

Il maritozzo si è fatto fotografare con orso abbastanza bruttino (che non ho ancora capito chi sia…forse quello di Boog & Elliot? mah…)…e poi abbiamo visto il trenino di Minnie. Abbiamo anche fatto in tempo a farci una foto prima che  partisse…e poi via, dietro al trenino a canticchiare e a ballare.

Dopo pranzo (nel fast food in tema con Pinocchio….l’attrazione era troppo piena e l’abbiamo saltata….così come quella di Peter Pan) ci siamo avventurati per Adventureland (scusate il gioco di parole..)…passando per Adventure Isle, i Pirati dei Caraibi, la Capanna dei Robinson (ho ancora il fiatone per le scale fatte…) e il Passaggio incantato di Aladino (l’unico per il quale la Vitellina non era convintissima di entrare…poi le ho spiegato che erano solo pupazzi e non c’era nulla di vero ed è entrata due volte!!).

E quindi è stata la volta di Frontierland con il villaggio indiano di Pocahontas.

E abbiamo sentito il bisogno di riposarci giusto un pochino….

Siamo tornati nel tardo pomeriggio e abbiamo continuato il nostro giro per Frontierland….destinazione “da paura”: Il Phantom Manor….che il maritozzo mi continuava a dire “ma non è una giostra per bambini” (ma in realtà il fifone era lui….) e la Vitellina che mi ha soltanto chiesto “Mamma, ma i fantasmi sono finti come Aladino?”….e quando le ho detto che era così ha risposto “Allora andiamo!”…ha preso tutto il coraggio che manca al papà…!! 😀

Inquietante è inquietante il Phantom Manor…e devo ammettere che un pochino di claustrofobia mi è venuta fuori quando la stanza dove ci hanno fatto andare ha iniziato a scendere piano piano….e le finestre sparivano….poi tutto buio. La Vitellina “Mamma, dove sono andati tutti??”

E poi la cosa più complicata (almeno, da fare con una bambina in braccio..): salire sul trenino in movimento….camminando su un tapis roulant…

Per il resto….i fantasmi non le hanno fatto tanta paura….e quando la sposa fantasma ha sogghignato per l’ennesima volta la Vitellina le ha detto “Guadda che non si ride così….si fa così!”…e le ha fatto un sorriso alla Minnie…con tanto di ciglia sbattute….!

Avrei tanto voluto fare un giro sul Big Thunder Mountain ma il tempo iniziava ad essere brutto….stare in fila con quel tempo non era l’ideale….e va beh…sarà per la prossima volta.

Dopo cena abbiamo visto la Once upon a Dream Parade….ed era proprio come tornare bambini!!

Mentre aspettavamo che iniziasse la Fantaillusion e i Fuochi di Artificio ci siamo diretti verso Discoveryland.

Ci siamo inabissati nei Misteri del Nautilus….e la piovra gigante di notte fa davvero impressione!…abbiamo sorpassato l’Orbitron, che alla Vitellina ricordava troppo Dumbo….:D

E abbiamo fatto un salto anche al Buzz Lightyear Laser Blast….poi ha iniziato a piovere forte e si siamo rifugiati al Videopolis, giusto in tempo per vedere tanti cartoni classici.

E così, dopo tanta acqua, qualche spavento, una piccola delusione (la Fantaillusion e i Fuochi sono stati annullati causa maltempo) il nostro primo giorno di magia si avviava alla conclusione….

(Continua – )

Annunci

6 thoughts on “Cronache parigine: Tanta Magia….e tanta acqua!

  1. Bentornati!Uau,quante cose avete visto! E’ stata veramente una giornata intensissima! Mi immagino la felicità di tua figlia..

    • Grazie!
      Si lei era contentissima…io e il maritozzo ad un certo punto volevamo soltanto sdraiarci e riposare un po’…!

Mi lasci un commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...