Non so più a chi dare i resti….

…che tradotto sta per: “a lavoro non c’è un attimo di respiro”.
Come ogni mese, con l’avvicinarsi della data dei pagamenti ai fornitori, i colleghi dell’amministrazione entrano nel panico….perchè si rendono conto di non aver ancora inviato le richieste ai manager per l’approvazione delle spese.
E allora che fanno?
Ma semplice: le mandano tutte insieme l’ultimo giorno utile per accettare i pagamenti.
Perchè loro accettano i pagamenti firmati fino ad una settimana prima di presentarli al pagamento dal gran capo finanziario.
Perchè loro hanno bisogno di tempo per preparare il cartaceo da presentare e fare bella figura.
Quello che evidentemente non riescono a capire (anzi non vogliono proprio capire) è che tutti i documenti che loro presentano al capo sono in realtà frutto del nostro lavoro.
Fatemi capire: loro se li tengono in caldo una settimana….io devo mandarli su completi e perfetti in 3 ore???
E che c’ho scritto in fronte, La Rapida????
No che poi….la settimana scorsa sono stata male….
Non succede mai nulla….manco 3 giorni….quando rientro mi trovo sulla mail una tempesta di comunicazioni e avvisi dall’amministrazione….tutti minacciosi.
Perchè i miei “cari” colleghi, per pararsi il didietro, ti mandano la mail e mettono in copia mezzo mondo.
E infarciscono le email con carognate….

Tipo la mia collega finta tonta….

Silvia, ti prego di aggiornare questo pagamento e di mandarmelo su entro domani (mai avrei potuto…ero con il vomitino imperante a casa….comunque…)….perchè, sai, altrimenti rischiamo di non pagare questa fattura, che è di gennaio, nemmeno a fine aprile….visto che già hai saltato il pagamento di fine marzo…..

………….

Quello che la collega omette è che la fattura di gennaio, che in amministrazione è arrivata il 24 febbraio (non è che so tutto….c’era il timbro sopra….so leggere) lei ha pensato bene di mandarmela per emettere l’ordine….il 2 aprile…..per cui, nemmeno un grande mago avrebbe potuto metterla in pagamento a fine marzo….

Una volta tanto il capo si è dimostrato assolutamente dalla nostra parte (che anche la collega ha un diavolo per capello….).
Solo che, ovviamente, onde evitare l’ira funesta dei fornitori (e rischiare che, in caso di necessità e urgenza si rifiutino di effettuare le manutenzioni perchè non pagati…)…beh, sono due giorni che io e la collega siamo sommerse di ordini.
Io ne avrei abbastanza…..il capo è un tantino troppo accondiscendente….
E il risultato?
Che dopo aver terminato gli ordini….mi toccherà inviare una comunicazione a tutti i fornitori (che sono un’infinità) pregandoli di inviare le loro fatture via email ai referenti amministrativi.
So che non servirà a nulla.
Perchè molte fatture arriveranno tra lo spam e i miei troppo impegnati colleghi le cestineranno senza neanche premurarsi di capire cos’è….

Scusate lo sfogo.
Ma tanto per farvi capire, oggi mi sento come Michael Douglas in “Un giorno di ordinaria follia”.

C’è bisogno di aggiungere altro???

Annunci

4 thoughts on “Non so più a chi dare i resti….

  1. Come ti capisco anche io ci sono periodi in cui sono sommersa dal lavoro , devo saltare la pausa pranzo e non posso andare neanche in bagno, perchè il mio capo si sveglia sempre all’ultimo, soprattutto a cavallo tra la fine del mese e l’inizio del successivo…Quanta pazienza!

  2. Mi dispiace molto… al di là del lavoro impegnativo, è proprio odiosa la mancanza di rispetto e questo clima di ansia in cui vi fanno vivere.

    Ti abbraccio!

  3. Grazie per il sostegno!

    Eh….Giorgio….tranquillo….la tentazione di farlo è forte…..ma poi mi fermo li!! 😀

Mi lasci un commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...